Evitate il salmone di allevamento: ecco perchè

Il salmone selvatico è quasi estinto purtroppo e molto spesso ciò che portiamo in tavola è salmone di allevamento. David O. Carpenter, scienziato USA, raccomanda di non consumare salmone di allevamento in seguito ad uno studio sulle tossine rilevate su tali animali.

allevamenti itticiNotizia risaputa che l’allevamento intensivo non è una buona soluzione nè per gli animali e tanto meno per noi esseri umani ma ciò che andiamo a raccontarvi sull’allevamento di salmoni ha qualcosa di assolutamente incredibile e, al contempo, terrificante:

 

  • I reflui non venogno mai lavati – vengono semplicemente lasciati cadere dalle reti. Migliaia e migliaia di salmoni ammassati vivono in condizioni precarie nuotando in una melma acquosa di muco ed escrementi
  • Il colore! I salmoni di allevamento vengono alimentati con mangimi contenenti coloranti come il Salmo Fan. Tale colorante serve a rendere la carne rosa, quasi arancio.
  • Molti paese, come la Norvegia, sono autorizzati ad aumentare le quantità di Endusolfato nei mangimi: un pesticida tossico bandito da molti paesi.
  • Il salmone è un animale carnivoro pertanto il suo allevamento richiede del pescato, incrementando l’impatto ambientale di questa barbara tradizione
  • Alcuni mangimi per salmoni sono prodotti utilizzando proteine derivate da sottoprodotti di origine animale

A voi l’ardua sentenza: ha senso continuare a consumare questo tipo di cibo?

Lascia un commento e spiega il tuo punto di vista!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *